Sblocca Italia e rigenerazione urbana

Studio Romano | Decreto Sblocca Italia

Il decreto Sblocca Italia interviene sull'argomento della riqualificazione urbana attraverso un incentivo proposto a Comuni e Regioni di riduzione degli oneri di urbanizzazione e dei costi di costruzione, per gli interventi di ristrutturazione edilizia, nelle aree a maggiore densità del costruito.

La riconversione delle cosiddette brown fields (aree dismesse) in green fields è probabilmente il tema più importante del presente e del futuro delle nostre città; nel territorio, veneto e non solo, sono presenti aree strategiche dal punto di vista paesaggistico e culturale, ad oggi occupate dall’archeologia industriale di quegli edifici che erano i contenitori della grande produzione, nella seconda metà del novecento.

Proprio per la natura centrale (anche paesaggisticamente) di questi agglomerati urbani, la pianificazione degli interventi di riqualificazione del tessuto urbano risulta un’operazione di grande interesse mediatico; il Decreto n. 133 offre quindi alle Amministrazioni un forte strumento di azione e di consenso. Pur in tempi di difficoltà dal punto di vista macroeconomico, è evidente che, per una volta, i tempi della politica e le necessità dei privati hanno trovato un punto d'incontro.

L'aiuto da parte degli enti locali a mantenere tollerabile l'investimento privato, unito alle facilitazioni impostate dal legislatore, rappresentano un'occasione di progresso e sviluppo sostenibile per molti proprietari d'immobili. La copertina di questo articolo è un esempio di riqualificazione urbana su larga scala, si tratta del complesso Le Albere a Trento (che comprende anche il MuSe), progettato da Renzo Piano, sull’ex area Michelin.

Register and Claim Bonus at williamhill.com